ritardo volo ryanair

Ritardo Volo e danno morale: liquidati circa 1000 euro! Capita spesso che il vettore aereo arrivi in ritardo. Ma ritardo volo e danno morale sono compatibili? Ebbene,  nei casi in cui il ritardo superi  le 3 ore il passeggero ha diritto non solo al risarcimento del danno patito nella forma della compensazione pecuniaria,  se la compagnia aerea é responsabile del ritardo, ma deve essergli riconosciuto anche il danno morale. In particolare, con la sentenza n.571/2017, il Giudice di Pace di Civitavecchia ha riconosciuto ad un consumatore il diritto a lui spettante in seguito al ritardo del volo di oltre 6 ore,  per la tratta Copenaghen- Roma , di ottenere una compensazione pecuniaria, nonché il risarcimento degli ulteriori danni morali subiti a causa ed in conseguenza dell’inadempimento contrattuale del vettore aereo in virtù del Regolamento Comunitario n. 261/2004. Tale Regolamento prevede il diritto del passeggero alla compensazione pecuniaria, che varia a seconda della distanza e della destinazione del volo cancellato: a) 250,00€ per le tratte aeree inferiori o pari a 1500 chilometri; b) 400,00€ per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1500 chilometri e per tutte le altre tratte comprese tra 1500 e 3500 chilometri; c) 600,00€ per le tratte aeree[...]

Read More about Ritardo Volo e danno morale
rimborso ritardi aerei

Risarcimento per vacanza rovinata A chiunque sarà capitato di subire un imprevisto e/o un disservizio durante un viaggio o durante una vacanza: valigie rotte, hotel con servizi inferiori a promesse e aspettative; nella maggior parte dei casi la Giurisprudenza parla di danno “da vacanza rovinata” ovvero del danno subito dagli utenti/ consumatori per aver alloggiato in strutture fatiscenti e per aver pagato sovrapprezzi non giustificati rispetto ai servizi offerti. L’art. 47 del Codice del Turismo (d.lgs. 79/2011) definisce il “danno da vacanza rovinata” come “un risarcimento del danno correlato al tempo di vacanza inutilmente trascorso ed all’irripetibilità dell’occasione perduta”, a patto che l’inadempimento sia “di non scarsa importanza”. Il danno da vacanza rovinata è il pregiudizio (il danno) del turista che deriva dalla lesione del suo interesse di godere in modo pieno di un viaggio organizzato come occasione di piacere, svago, riposo senza soffrire il disagio psicofisico che accompagna la mancata realizzazione in tutto o in parte del programma previsto, ovvero nella “perdita di un’occasione di relax”. Nel caso in cui l’operatore turistico o la struttura ricettiva non rispettino le condizioni contrattuali e/o gli standard minimi previsti nelle varie tipologie di viaggio è previsto un risarcimento del danno per il turista/viaggiatore. Tale[...]

Read More about Risarcimento per vacanza rovinata
volo perso

Aereo perso a causa del traffico? Secondo il Giudice hai diritto ad un risarcimento. Può capitare a tutti nella vita di restare bloccati in un ingorgo in autostrada o in una coda in città non riuscendo ad arrivare in tempo all’aeroporto e di conseguenza perdere l’aereo, rinunciando così a quel volo destinato ad una vacanza o addirittura ad un viaggio di lavoro. Ebbene in tali casi è previsto il diritto al risarcimento, come ha stabilito un giudice italiano. La vicenda che origina la sentenza riguarda il caso di un 74 enne originario di Parma che doveva partire per il Brasile e che, a causa di un incidente stradale, restava bloccato nel traffico e di conseguenza non riusciva a raggiungere l’aeroporto in tempo, perdendo il volo per il Brasile. A seguito di ciò l’uomo si rivolgeva alla compagnia aerea richiedendo il rimborso ma la stessa rifiutava di corrispondergli il rimborso del biglietto aereo; a seguito del rifiuto il consumatore/viaggiatore si rivolgeva al Giudice di Pace, il quale gli dava ragione. In particolare la decisione del Giudice si fonda sull’art. 945 del Codice della Navigazione, così come sostituito dal d.lgs. n. 96/2005, il quale prevede testualmente che: “se la partenza del passeggero[...]

Read More about Aereo perso a causa del traffico

Condannata al risarcimento del danno più le spese legali per non aver adempiuto a quanto promesso nell’offerta contenuta all’interno di un coupon. Il Giudice di Pace del Tribunale di Napoli Nord ha condannato Groupon al rimborso delle spese sostenute da un consumatore per l’acquisto dell’offerta da essa proposta più il pagamento delle spese legali. I fatti. Nel 2011 un consumatore aveva acquistato un coupon del valore di 123 euro al prezzo di 59 che dava diritto a un biglietto di sola andata o solo ritorno per le isole Eolie. Il titolo di viaggio era valido dal 10/08/2011 al 4/09/2012. Il 5 agosto l’acquirente decide di prenotare il viaggio e contatta l’Alilauro titolare del servizio di trasporto così come previsto dal regolamento. La compagnia di navigazione comunica che il viaggio era stato già utilizzato. Contattato Groupon, l’azienda – così come spiega il responsabile dell’ufficio legale esterno di Sos utenti consumatori  Michele Ferrara- quest’ultima si è rifiuta di fornire il nome del reale utilizzatore del titolo di viaggio” Di qui quindi la necessità di ricorrere all’assistenza legale. “Il cliente si è rivolto all’associazione che a sua volta ha passato poi la pratica all’ufficio legale esterno. Dopo il nostro intervento Groupon si è[...]

Read More about Non ottempera a quanto promesso nel coupon: condannata Groupon

“Si ha un pacchetto turistico allorquando si vende, o si offre in vendita almeno due, dei tre elementi individuati: trasporto, alloggio, servizi turistici non accessori a un prezzo forfettario” E’ quanto stabilito dalla Corte di Cassazione. La pronuncia trae spunto dalla vicenda dell’acquisto di un pernottamento con mezza pensione in un villaggio turistico, scelto da un catalogo Alpitour; villaggio dove, previo acquisto di una tessera club, erano fruibili servizi turistici, quali spiaggia attrezzata, miniclub bambini, animazione, piscina, campi da tennis era pienamente configurabile come un pacchetto turistico. CORTE DI CASSAZIONE III SEZIONE CIVILE SENTENZA N. 3256 DEL 2 MARZO 2012   (Pres. Spirito – Rel. Carluccio)   SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. – I coniugi M.C. e M.D., genitori di due minori, che nel maggio 2002 avevano acquistato presso una agenzia, scegliendolo da un catalogo Alpitour, un periodo di soggiorno di 14 giorni presso un villaggio turistico, durante il quale, previo acquisto di una «tessera club», potevano fruire di una serie di servizi (spiaggia attrezzata, mini club per bambini, piscina, animazione, campi da tennis, ecc.), vedevano rigettata dal Tribunale di Milano la domanda di risarcimento, avanzata nei confronti della Alpitour Spa. La Corte di appello di Milano rigettava l’impugnazione proposta dai[...]

Read More about Cosa si intende per pacchetto turistico: la pronuncia della Corte di Cassazione

E’ incostituzionale il limite risarcitorio di 50 mila franchi-oro previsto dalla convenzione internazionale di Bruxelles. La cifra si riferisce all’ inadempimento o cattiva esecuzione delle prestazioni nell’ambito dei contratti di viaggio “tutto compreso” meglio conosciuto come “pacchetto turistico”. E’ quanto stabilito da una pronuncia della Corte Costituzionale. La Corte Costituzionale composta dai signori: Presidente: Alfonso Quaranta; Giudici: Franco GALLO, Luigi Mazzella,Sabino Cassese, Giuseppe Tesauro,  Paolo  Maria Napolitano, Giuseppe Frigo, Alessandro Criscuolo, Paolo Grossi, Giorgio Lattanzi, Aldo Carosi, Marta Cartabia, Mario Rosario Morelli, ha pronunciato la seguente Sentenza nel giudizio di legittimità costituzionale dell’articolo 15 del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 111 (Attuazione della direttiva n. 90/314/CEE concernente i viaggi, le vacanze ed i circuiti «tutto compreso»), promosso dal Tribunale ordinario di Verona nel procedimento vertente tra A.M.L. ed altra e la Sprintours s.p.a. ed altra, con ordinanza del 6 luglio 2010, iscritta al n. 193 del registro ordinanze 2011 e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica n. 41, prima serie speciale, dell’anno 2011. Visti gli atti di costituzione di A.M.L. ed altra (fuori termine) e della Sprintours s.p.a. ed altra, nonche’ l’atto di intervento del Presidente del Consiglio dei ministri; udito nell’udienza pubblica del 22 febbraio 2012 il Giudice[...]

Read More about Contratti di viaggio: E’ incostituzionale il limite risarcitorio fissato dalla convenzione di Bruxelles
error: Content is protected !!